Fiori (e stampe) d’altri tempi

IO Donna

August 20, 2018

Cosa indosserebbe la più nostalgica delle fashion victim per una gita a Versailles? E voi, quale accessorio scegliereste per visitare la mostra Rubens e la nascita del Barocco, attesa in ottobre a Tokyo, al National Museum of Western Art? Qualche idea la offre Louis Vuitton, ispirandosi a tessuti floreali che oggi rallegrano alcune già celebri borse (sopra e a destra). Dal candore di tracolle perfette su prati cittadini a un’oscura maxi bag, su cui sbocciano fiori cari al direttore creativo Nicolas Ghesquière: «Ci siamo ispirati all’effetto dei broccati del Settecento, interpretati con stampe tridimensionali». E poi via, con la macchina del tempo... per approdare ancora in Estremo Oriente, dove l’artista Katsuyo Aoki celebra l’epoca barocca sulle sue intricate porcellane (in alto, a destra). Romantiche, sì, ma solo da lontano: a uno sguardo ravvicinato, state certi che qualche piccolo demone vi sorriderà.

Back To Top